Di respiri mancanti

2015-16
FOR
orchestra
DETAILED INSTRUMENTATIO
2.2.2.2./2.2.0.0./perc.I.II./harp and strings (10.8.6.5.4.)
DURATION
13'
COMMISSION
Fondazione Orchestra Haydn
FIRST PERFORMANCE
22.03.16, Bolzano, Auditorium, Symphonic Season 2015-16, Orchestra Haydn, Dietrich Paredes (conductor)
CATALOGUE NUMBER
S. 15033 Z.
Type (one or more words separated by comma) and hit enter
icon find icon youtube icon facebook icon sound cloud

Introduction

IT
FR
DE
EN
OR
Di respiri mancanti è un pezzo che ispira i suoi principi costruttivi alla figure retoriche dell'ellissi e della litote: cioè dell'omissione di uno o più elementi all'interno di uno costrutto in modo che questi possano essere sottintesi, o attenuati in maniera tale da dire meno per significare di più, tutto ciò al fine di arricchire la significazione generale di un enunciato. È esattamente il caso di questo pezzo per piccola orchestra dove la sintesi, la trasparenza e la leggerezza domina no, e la mancanza, salvo qualche istante, di momenti di alta densità strumentale o di spessore sonoro, creano un impressione generale di vuoto, di astrattezza e di afasia narrativa, che il titolo intende esprimere in maniera tangibile. A tutti noi è capitato di dovere trattenere il fiato a seguito di uno shock emotivo o di una necessità materiale. Paradossalmente, evitare di respirare di tanto in tanto, ridurre il ciclo normale di inspirazioni-espirazioni in un contesto di aria inquinata potrebbe essere più salutare che respirare secondo un ritmo naturale dell'aria dalla natura fortemente compromessa a seguito dell'inquinamento. Immaginarsi ed esplorare tutto ciò che succede nei frangenti è l'oggetto dei momenti che compongono questo pezzo, e si accompagnano ad altri che costituiscono invece il contorno di momenti in cui nulla sembra succedere, come in un respiro trattenuto e ancor di più prolungato, di cui nulla sembra poter essere detto, perché l'energia non è liberata ma imprigionata. Eppure, attraverso il poco che lo delimita, si può fare intuire la grandezza di un'estensione orizzontalmente (e apparentemente) silenziosa e invece profondamente riempita di significato.

S.G. 20.1.15
logo
StefanoGervasoni@2020
CREDITS Web Press and CARGO visual OFFICE